Skip to content

Woody Allen, l’ultimo genio (Salani)

Oggi parliamo dell’unica biografia ufficiale e autorizzata di Woody Allen, raccontato dallo scrittore spagnolo Natalio Grueso.

Natalio Grueso

Woody Allen

L’ultimo genio

SALANI

WOODY ALLEN, L'ULTIMO GENIO

 

 

Il libro

«Il cervello è il mio secondo organo preferito»: così afferma Woody Allen in uno dei suoi celebri aforismi. Del resto, la parola più usata dalle decine di persone intervistate per la stesura di questo libro, alle quali è stato chiesto di definire uno tra i più amati cineasti del mondo, è stata «genio». Gente che ha lavorato con lui o ha avuto l’opportunità di conoscerlo molto da vicino, persone che parlano con cognizione di causa, anche se ovviamente Allen non è d’accordo: «Io un genio? Allora cosa sono Shakespeare, Mozart o Einstein? No, no, sono solo un comico di Brooklyn che nella vita ha avuto molta fortuna».

Natalio Grueso racconta della gentilezza e grande umiltà del maestro, che, superati gli ottant’anni, non smette di dedicarsi a ciò che più ama – il cinema, la scrittura e il jazz – e rifugge i red carpet, considerando i premi oggetti fatti per «prendere polvere». Un grande genio comico che ha debuttato come ghostwriter e come cabarettista prima di diventare il riferimento della cinematografia del ventesimo e ventunesimo secolo, senza dimenticare le sue origini e i grandi maestri che lo hanno forgiato quando si infilava nei vecchi cinema della sua giovinezza per ammirare i capolavori di Bergman e del neorealismo. Una passione, questa, che condivide con l’autore a cui è legato da una ventennale amicizia, che ha avuto il privilegio di seguire in prima persona la sua storia personale e professionale. Ne nasce un ritratto assolutamente inedito, intimo, sulla sua carriera, le sue fobie, i suoi hobby – tra cui una poco conosciuta passione per la magia – e sul suo modo di lavorare e concepire la vita.

L’autore

Natalio Grueso è nato in Spagna, a Oviedo, nel 1970. Oltre a occuparsi di scrittura, si è sempre dedicato alla gestione dei beni culturali e alle relazioni internazionali, assumendo posizioni di rilievo e responsabilità in diverse istituzioni. Attualmente è direttore del Teatro Spagnolo e direttore delle Arti sceniche della città di Madrid.

Natalio Grueso

Woody Allen

L’ultimo genio

SALANI

pp. 272 – euro 16,00

 

 

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Il blog su Twitter

La tua giustizia non è la mia (Longanesi)

Lo scorso 29 settembre è uscito in libreria La tua giustizia non è la mia – Dialogo fra due magistrati in perenne disaccordo, il libro scritto a quattro mani da due tra i più noti magistrati del pool di Mani Pulite, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo.

 La tua giustizia non e la mia_Esec.indd

 

Piercamillo Davigo – Gherardo Colombo

La tua giustizia non è la mia

Longanesi

 

 

 

Il libro

La tua giustizia non è la mia è un confronto serrato, una conversazione aperta e sincera, non priva di accenti polemici, sui temi più scottanti della giustizia in Italia. Grazie alla loro lunga esperienza nelle aule dei tribunali, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo forniscono in queste pagine non soltanto una diagnosi scrupolosa dei tanti mali che affliggono la giustizia del nostro paese, ma avanzano suggerimenti e proposte di riforma, senza nascondere conflittualità e divergenze d’opinione, talvolta radicali.

Lontani da ogni astrattismo, calati nella realtà della vita quotidiana, i loro interrogativi ci aiutano a capire perché le questioni più delicate e controverse che investono il mondo del diritto ci riguardano così da vicino. È la giustizia, infatti, che traccia i confini della nostra libertà. È la giustizia che indica il grado di civiltà di uno Stato e la cultura diffusa che permea le sue istituzioni. Ma quand’è che una legge può dirsi davvero «giusta»? Basta minacciare una pena per dissuadere il ladro o il truffatore dal commettere un reato? Il carcere è l’unica soluzione? È dunque più efficace educare o punire? Quanto è diffusa la corruzione in Italia, e come mai, nonostante la stagione di Mani Pulite e le tante inchieste che hanno svelato l’intreccio perverso tra politica e affari, non accenna a diminuire? La macchina burocratica e amministrativa è essa stessa un ostacolo alla giustizia?

A queste, e a tante altre domande, Colombo e Davigo danno risposte sorprendenti, dimostrando che la giustizia è un concetto non solo problematico ma anche in continua evoluzione.

 

 

 

Gli autori

Piercamillo Davigo è presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione, in servizio alla Seconda Sezione penale dal 2005. Entrato in Magistratura nel 1978, è stato assegnato al Tribunale di Vigevano con funzioni di giudice, poi dal 1981 alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano con funzioni di sostituto procuratore. Dal 1992 ha fatto parte del pool Mani Pulite, trattando procedimenti relativi a reati di corruzione e concussione ascritti a politici, funzionari e imprenditori. Dall’aprile 2016 è presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati.

 

Gherardo Colombo è entrato in magistratura nel 1974. È stato consulente delle commissioni parlamentari di inchiesta sul terrorismo e sulla mafia. Ha condotto o collaborato a inchieste divenute celebri, tra cui la scoperta della Loggia P2, l’omicidio Ambrosoli, i cosiddetti fondi neri dell’IRI, Mani pulite. Dal luglio 2005 è stato giudice presso la Corte di Cassazione. Nel 2007 si è dimesso dalla magistratura per dedicarsi a incontri formativi nelle scuole, dialogando negli anni con migliaia di ragazzi sui temi della giustizia e del rispetto delle regole. È attualmente presidente della casa editrice Garzanti. Nel 2010 ha fondato l’associazione Sulle regole, punto di riferimento per il dibattito sulla Costituzione e la legalità.

Piercamillo Davigo – Gherardo Colombo

La tua giustizia non è la mia

Longanesi

 

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Il blog su Twitter

Ti devo un ritorno (Salani)

Niccolò Agliardi è un paroliere di grandi artisti della musica leggera,un cantautore di talento e di successo, autore della colonna sonora di Braccialetti rossi. Da qualche giorno Agliardi è anche in libreria con un romanzo d’esordio davvero speciale, capace di parlare al cuore dei giovani che stanno diventando adulti.

Niccolò Agliardi

Ti devo un ritorno

 SALANI

ti-devo-un-ritorno-agliardi

Il libro

Pietro ha trentadue anni, ma è ancora un uomo a metà. Surfista mancato, annaspa nei sentimenti e nelle paure, senza riuscire a dare una direzione alla propria vita. La morte improvvisa del padre agisce come un detonatore e lo spinge a scappare Milano e a rifugiarsi in un paesino delle Azzorre. Qui incontra Vasco, un diciottenne con cui costruisce un rapporto molto simile a quello tra padre e figlio, un’amicizia in cui può dimostrare di essere più sicuro, maturo e protettivo. Ma un naufragio porta sull’isola un carico di cocaina che stravolgerà la vita degli abitanti e metterà Pietro davanti a una scelta importante, per il suo amico e per se stesso.

 

L’autore

Niccolò Agliardi è nato a Milano nel 1974, si è laureato in Lettere moderne con una tesi sui luoghi reali e immaginari presenti nelle canzoni di Francesco de Gregori. Autore e cantautore, Niccolò Agliardi ha pubblicato quattro dischi di inediti (“1009 giorni”, “Da Casa A Casa”, “Non Vale Tutto” “Io non ho finito”) scrive e collabora con grandi artisti italiani e internazionali (Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Zucchero, Elisa, Emma Marrone, Patty Pravo, Roberto Vecchioni, Emis Killa, Damien Rice, Bryan Adams e molti altri).

Ha vinto due volte il Premio Lunezia (per “Da Casa A Casa” e “Non Vale Tutto”), ha vinto un Ascap Award ed è stato nominato ai Latin Grammy Awards per il brano “Invece No” di Laura Pausini. Ha pubblicato con Alessandro Cattelan il romanzo divenuto best seller “Ma la vita è un’altra cosa” ed ha partecipato come giudice fisso a “Spit”, programma cult di Mtv.

È collaboratore alla cattedra di Letteratura italiana presso l’Università degli Studi di Milano e docente di tecniche di scrittura creativa. Direttore artistico e compositore delle canzoni originali della colonna sonora per le tre stagioni della serie tv, record di ascolti “Braccialetti Rossi”.  Ha ricevuto in occasione del Festival del Cinema di Roma 2014 due premi come migliore colonna sonora dell’anno per la sezione fiction e migliore canzone originale con “Io non ho finito”.

Niccolò Agliardi

Ti devo un ritorno

 SALANI

pp. 224 – euro 14,90

 

 

 

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Il blog su Twitter

Un po’ di follia in primavera (Longanesi)

Il grande ritorno di un’autrice bestseller con una nuova indagine di Alice Allevi, il personaggio più amato di Alessia Gazzola, che ha ispirato la serie tv L’allieva.

un-po-di-follia-in-primavera

Alessia Gazzola

Un po’ di follia in primavera

Longanesi

Il libro

Quella di Ruggero D’Armento non è una morte qualunque. Perché non capita tutti i giorni che un uomo venga ritrovato assassinato nel proprio ufficio. E anche perché Ruggero D’Armento non è un uomo qualunque.
Psichiatra molto in vista, studioso e luminare dalla fulgida carriera accademica, personalità carismatica e affascinante… Alice Allevi se lo ricorda bene, dagli anni di studio ma anche per la recente consulenza del professore su un caso di suicidio di cui Alice si è occupata.
Impossibile negare il magnetismo di quell’uomo all’apparenza insondabile ma in realtà capace di conquistare tutti con la sua competenza e intelligenza.
Eppure, in una primavera romana che sembra portare piccole ventate di follia, la morte violenta di Ruggero D’Armento crea sensazione. Pochi e ingannevoli indizi, quasi nessuna traccia da seguire.
L’indagine su questo omicidio è impervia, per Alice, ma per fortuna non lo è più la sua vita sentimentale.
Ebbene sì, Alice ha fatto una scelta…
Ma sarà quella giusta?

L’autrice

Alessia Gazzola, medico chirurgo specialista in medicina legale, è nata nel 1982 a Messina. L’allieva è il romanzo con cui nel 2011 ha esordito nella narrativa e che ha fatto conoscere e amare al pubblico italiano, e a quello dei principali Paesi europei dove è uscito, un nuovo e accattivante personaggio, Alice Allevi. Alice è ancora al centro dei romanzi Un segreto non è per sempre (2012),Sindrome da cuore in sospeso (2012), Le ossa della principessa (2014) e Una lunga estate crudele(2015). Nel 2016 ha pubblicato Non è la fine del mondo e Un po’ di follia in primavera, l’ultimo romanzo della serie L’Allieva

Alessia Gazzola

Un po’ di follia in primavera

Longanesi

Pagine: 304

Prezzo: € 16.90

 

 

 

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Il blog su Twitter

 

 

Solo per dirti addio (Nuovadimensione)

Irene Pavan

Solo per dirti addio

Storia di guerra, amore e prigionia

Nuovadimensione

solo-per-dirti-addio-pavan

 

Il libro

Una vicenda vera che commuove e appassiona: una delicata storia d’amore, durante la Seconda Guerra Mondiale, per scoprire una pagina poco nota della nostra storia.

Il libro, ancora nella versione inedita, si è classificato terzo al Premio Nazionale Charles Bukowski 2014 ed è stato suggerito dalla rivista Panorama tra i 5 libri da leggere per il giorno della Memoria 2016.

Un libro che si legge d’un fiato e che racconta, per una volta, i fatti della Seconda Guerra Mondiale in maniera diversa dal solito. Il sogno della Quarta Sponda (Libia), la prigionia in mano alleata, l’infinita attesa e un unico motivo per non cedere alla pazzia: un amore senza tempo. Un sentimento indistruttibile, che resisterà al rimpatrio e a cinquant’anni di separazione.

La scrittura è pulita e fluida, ma ciò che racconta – un fatto realmente accaduto – ha un’intensità che supera la pagina. Si piange, si sorride, ci si incanta a sfogliare queste pagine. Che restano nel cuore.

 

 

L’autrice

IrenePavan è nata nel 1977 a San Donà di Piave (VE) dove vive, sposata con due figli. Ha una laurea in economia aziendale con indirizzo marketing e lavora nell’ambito della comunicazione e del marketing per i prodotti di lusso a livello mondiale. Il suo romanzo inedito “Solo per dirti addio” si è classificato terzo al premio nazionale Charles Bukowski del 2014 ed è stato semifinalista al torneo letterario IoScrittore 2015 promosso dal gruppo Mauri Spagnol.

 

Irene Pavan

Solo per dirti addio

Storia di guerra, amore e prigionia

Nuovadimensione

pagine 270

prezzo € 16

isbn 978-88-6958-014-7

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Il blog su Twitter