Skip to content

L’ineffabile Antrobus (et al.)

15 ottobre 2012

La novità del settembre 2012 di et al./Edizioni è un volume (fino ad ora) introvabile, L’ineffabile Antrobus, capolavoro umoristico di Lawrence Durrell. La traduzione è di Marina Morpurgo.

Lawrence Durrell

L’ineffabile Antrobus

et al. / Edizioni

Il libro

A liberare la potenza comica del Foreign Office è Antrobus, un consumato diplomatico inglese, un narratore memorabile.

Si parte con il treno fantasma, orgoglio dell’industria pesante jugoslava: decorato con “fiori, uccelli, eroi della liberazione, cache-sex, arnesi simbolici, corni postali… era assolutamente mozzafiato”. Qui viene caricato in preda al terrore l’intero corpo diplomatico di servizio nei Balcani per una celebrazione ufficiale che si conclude inopinatamente senza morti. Quanto allo sport, a conferma della sua opinione – “Non ho mai creduto che facesse bene” – Antrobus racconta di quella volta che diplomatici inglesi e italiani si sfidarono in una partita di football che avrebbe voluto essere risolutiva di certe tensioni tra Stati, ma che passione per le scommesse e rude agonismo trasformarono in rissa. Non manca il gentil sesso e non manca l’argomento alcol, nemmeno sotto forma di sakè, quel distillato “salato e blandamente emetico” che all’epoca bevevano solo i giapponesi.
Tra temibili consiglieri militari e ancora più insopportabili attaché culturali, funzionari d’ambasciata ora maldestri ora furbetti, scommettitori incalliti, intrattabili diplomatici d’oltrecortina, cantanti liriche e principi indiani, damerini e impostori, con Antrobus si sorride e si scoppia a ridere anche oggi, dopo lo sbriciolamento della Jugoslavia e la scomparsa dell’oscura Vulgaria in cui sono ambientate le sue storie. Forse si ride soprattutto per come è descritto quel connubio tra sussiego e dabbenaggine che ancora infesta un mondo in cui una diplomazia di piccolo cabotaggio sembra avere aperto ovunque una propria succursale nel territorio.

L’autore

Lawrence George Durrell, narratore e poeta inglese, nacque in India nel 1912, e scrisse, tra l’altro, il Quartetto di Alessandria, che comprende i romanzi Justine, Balthazar, Mountolive, Clea. Durante la Seconda guerra mondiale, soggiornò al Cairo presso l’ambasciata britannica. Questi “sketches di vita diplomatica”, dapprima raccolti in tre volumetti separati (Esprit de Corps, 1957; Stiff Upper Lip, 1958; Sauve qui peut, 1966), apparvero originariamente su vari periodici, da “New Statesman” a “Playboy”, al “Sunday Times”. In Italia nel 1962 uscì con Feltrinelli La puzza al naso, che comprendeva i primi due. La stessa raccolta uscì poi da Garzanti, con il titolo L’ineffabile Antrobus. Infine Fazi li pubblicò tutti e tre, in una nuova traduzione (Le avventure di Antrobus). Il tutto, ormai introvabile, è ora riproposto nella traduzione di Marina Morpurgo.

Lawrence Durrell

L’ineffabile Antrobus

et al. / Edizioni

et al. Narrativa
13,75 x 19,8 cm
pp. 256 € 17
ISBN 978-88-6463-090-8

Vai al sito della casa editrice

 

 

 

 

 

 

 

 

———————

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Pietro De Viola su Twitter

Annunci

From → Spazio Libri

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: