Vai al contenuto

Coltiviamo la città

5 marzo 2012

Amate il verde ma vivete in città? Nessun problema, è appena uscito un volumetto che fa per voi: Coltiviamo la città, di Massimo Acanfora. Il libro fa parte di manualMente, la collana nata dall’’incontro di Ponte alle Grazie e Altreconomia Edizioni.


 

Massimo Acanfora

Coltiviamo la città

Orti da balcone e giardini urbani

per contadini senza terra

 

 Ponte alle Grazie

Altreconomia Edizioni

 

 

 

Il libro

 

L’orto e il verde urbano – dal balcone all’aiuola metropolitana – sono una passione che germoglia in un numero sempre più ampio di cittadini. Per i contadini urbani, il pomodoro del quinto piano è il modo più diretto per consumare un cibo autentico, ripristinare il contatto con la natura, curare il proprio benessere, fisico e spirituale. Il filosofo Immanuel Kant del resto poneva il giardinaggio tra le arti maggiori. Un libro con tutte le nozioni base per iniziare a coltivare la terra senza darsi la zappa sui piedi, con illustrazioni ed esperienze concrete.

In Coltiviamo la città troverete le ricette per imparare a coltivare ortaggi, frutta e fiori nei fazzoletti di terra urbani: balconi, davanzali, cortili, giardini condominiali, orti urbani. La scelta del terriccio e dei contenitori, il calendario delle semine e della raccolta, i rimedi contro le “avversità”, le tecniche di coltivazione più semplici e sostenibili.

Un manuale per chi vuole dare il primo colpo

di rastrello della sua vita.

Un libro semplice e prezioso perché porta la campagna in città e insegna davvero il “come fare” anche a chi non ha mai visto un seme, una zappa o un annaffiatoio in vita sua. Troverete le ricette per imparare a coltivare ortaggi, frutta e fiori nei fazzoletti di terra urbani: balconi, davanzali, cortili, giardini condominiali, orti urbani. E ancora: il valore sociale, alimentare, educativo e terapeutico che cresce negli orti di comunità, condivisi o in adozione, negli orti scolastici o con il guerrilla gardening.

 

 

 

IL DECALOGO

10 buoni motivi per coltivare un orto urbano

 

1.     Controllare la salubrità del cibo che mangiamo, riscoprire i sapori autentici.

2.     Condividere il proprio tempo con altre persone, instaurare nuove relazioni sociali e civiche, consolidare la sfera familiare e quella della comunità.

3.     Ricevere dal proprio orto la «tredicesima», ovvero un piccolo reddito in natura.

4.     Partecipare con spazi orticoli – che sono parte integrante del verde pubblico – al miglioramento dell’ambiente urbano e alla riqualificazione di luoghi degradati o abbandonati.

5.     Contribuire a una migliore efficienza economica della cosa pubblica, visto che le spese di progettazione e di organizzazione di un orto urbano sono decisamente basse e gli orti hanno molteplici funzioni sociali ed ecologiche.

6.     Tramandare alle nuove generazioni un mondo in cui odori, sapori, sensazioni tattili sono intatti, dove i bambini possano conoscere la natura.

7.   Contribuire a uno sviluppo sostenibile con l’utilizzo di tecniche di agricoltura biologica e biodinamica e dell’agricoltura sinergica.

8.     Preservare la biodiversità coltivando e diffondendo semi di frutti e verdure «antichi».

9.     Integrare nella società persone in difficoltà attraverso orti terapeutici, didattici, comunitari o d’inserimento.

10.    Ritrovare il benessere personale e interiore che solo il contatto – anche minimo – con la natura può regalare.

(Decalogo liberamente ispirato a 8 bonnes raisons de privilégier les jardins dans l’action publique, a cura della rete informale di orti francese Les jardin dans tous ses etats)

 

 

L’autore

Massimo Acanfora è giornalista di Altreconomia, autore ed editor. Scrive di economia solidale, consumo critico temi sociali. Tra i suoi libri: Un’altra birra! (Altreconomia 2009), e E ora si Ikrea (Altreconomia/Ponte alle Grazie 2011).

 

Vai al sito di Ponte alle Grazie

Massimo Acanfora

Coltiviamo la città

Orti da balcone e giardini urbani

per contadini senza terra

 

 

Ponte alle Grazie

Altreconomia Edizioni

IN LIBRERIA E NELLE BOTTEGHE

DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

 

pp. 126 – euro 9,00

———————


 

 

 

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Pietro De Viola su Twitter

From → Spazio Libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: