Skip to content

Il libro nero dell’umanità (Ponte alle Grazie)

14 gennaio 2012

Oggi un libro che pone un interrogativo oscuro: di quanto male  sono stati capaci gli esseri umani?

Matthew White

IL LIBRO NERO DELL’UMANITÀ

La cronaca e i numeri delle cento peggiori atrocità della storia

Ponte alle Grazie

 

I cento eventi più sanguinosi della storia dell’umanità, dal V secolo avanti Cristo agli anni Duemila, dai 66 milioni di morti della seconda guerra mondiale ai 300.000 del regime di Saddam Hussein. Una ricerca durata quindici anni.

Il libro

Si può scrivere una storia universale delle atrocità? E se ne può stilare una classifica? Come confrontare misfatti avvenuti in tempi e contesti tanto diversi? Secondo Matthew White, bibliotecario statunitense, ricercatore indipendente specializzato in «atrocitologia», un criterio perfetto non c’è, dunque non rimane che il nudo numero delle vittime: come dice l’autore, «il numero di cui si ha sempre voglia di discutere». Utilizzando le migliori fonti di statistica storica, e compiendo uno studio comparativo senza precedenti, White ricostruisce così i cento avvenimenti più sanguinosi, per un totale di mezzo miliardo di morti, dalla seconda guerra persiana del V secolo avanti Cristo fino al Congo e al Sudan dei nostri anni, passando per decine di eventi meno noti: quanti di voi avrebbero immaginato al sesto posto la rivolta ottocentesca dei Taiping in Cina, con venti milioni di vittime? A ciascuna «atrocità» White dedica un capitolo, e in ogni capitolo avvolge i numeri grezzi con una cronaca militare, politica e sociale di grande utilità e ricca di aneddoti e curiosità inedite, spesso intrisa di ironia e sarcasmo verso l’umana crudeltà e stupidità. Faceto, profondo, duramente realistico, mai ideologico – sfidiamo i lettori a intuire le simpatie politiche dell’autore! – eppure sempre schierato dalla parte delle vittime, Il libro nero dell’umanità, già in corso di traduzione in una dozzina di Paesi, promette di appassionare in tutto il mondo non solo gli amanti della storia, ma chiunque nutra dubbi sulle nostre «magnifiche sorti e progressive».

L’autore

Matthew White vive a Richmond in Virginia e ha lavorato per vent’anni come bibliotecario. Ha iniziato a pubblicare online il suo atlante storico del XX secolo nel 1997 e con questo ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti fin dalla prima era di Internet. Il suo database di statistiche sulle atrocità dell’uomo si è subito affermato come la sezione più visitata e citata dell’atlante. Negli anni, è entrato in contatto con i maggiori studiosi mondiali e le sue ricerche sono state citate in oltre cinquanta libri e ottanta articoli a carattere storico.

Estratto:

I 35 PIU’ GRANDI MASSACRI

1. Seconda guerra mondiale (1939-1945)                63.000.000

2. Gengis Khan (1206-1227)                                     40.000.000

3. Mao Zedong (1949-1975)                                     40.000.000

4. Carestie nell’India Britannica                                 27.000.000

5. Fine della dinastia Ming (1635-1652)                    25.000.000

6. Rivolta dei Taiping (1850-1864)                            20.000.000

7. Stalin (1924-1953)                                                 20.000.000

8. Tratta degli schiavi in Medio Oriente                    18.500.000

9. Tamerlano (1370-1405)                                        17.000.000

10. Tratta degli schiavi sull’Atlantico                         16.000.000

11. Conquista delle Americhe (1492-)                      15.000.000

12. Prima guerra mondiale (1914-1918)                   15.000.000

13. Ribellione di An Lushan (755-763)                      13.000.000

14. Dinastia Xin (9-24)                                              10.000.000

15. Stato Libero del Congo (1886-1908)                   10.000.000

16. Guerra civile russa (1917-1922)                         9.000.000

17. Guerra dei Trent’anni (1618-1648)                     7.500.000

18. Fine della dinastia Yuan (1358)                           7.500.000

19. Declino di Roma (395-455)                                 7.000.000

20. Guerre civili in Cina (1927-37 e 45-49)               7.000.000

21. Guerra Mahdista (1881-1898)                            5.500.000

22. Periodo dei Torbidi (1598-1613)                         5.000.000

23. Tre Regni (189-280)                                            4.700.000

24. Aurangzeb (1681-1707)                                      4.600.000

25. Guerra del Vietnam (1960-1975)                        4.200.000

26. Guerre napoleoniche (1792-1815)                      4.000.000

27. Seconda guerra del Congo (1998-2002)            3.800.000

28. Guerra dei cent’anni (1337-1453)                       3.500.000

29. Crociate (1095-1291)                                          3.000.000

30. Guerre di religione in Francia                              3.000.000

31. Pietro il Grande (1682-1725)                              3.000.000

32. Corea del Nord (dopo il 1948)                             3.000.000

33. Guerra di Corea (1950-1953)                             3.000.000

34. Guerre civili in Sudan (1955-2003)                     2.600.000

35. Espulsione dei tedeschi dall’Europa                    2.100.000

orientale (1945-1947)

 

 

Matthew White

IL LIBRO NERO DELL’UMANITÀ

La cronaca e i numeri delle cento peggiori atrocità della storia

Ponte alle Grazie

pp.870 – euro 23,50

——————–

 

 

 

Alice senza niente, il sito ufficiale

La pagina fan su Facebook

Alice senza niente su Google+

Alice senza niente su Twitter

Annunci

From → Spazio Libri

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: