Skip to content

Sotto il ghiacciaio (Iperborea)

19 novembre 2011

Oggi sul blog è una giornata speciale. Ospitiamo infatti la presentazione del romanzo Sotto il ghiacciaio (1968) del premio Nobel Halldór Laxness, pubblicato in Italia da Iperborea.

Halldór-Laxness-Sotto-il-ghiacciaio sul blog di alice senza niente

Halldór  Laxness
SOTTO IL GHIACCIAIO

Ho passato tutta l’infanzia in un ambiente in cui il centro della terra non aveva posto al di fuori dei libri e dei sogni. Quando ero bambino, l’amore e il rispetto per l’umile routine della vita di tutti i giorni e per le sue creature era l’unico comandamento morale che mi portavo dentro con convinzione”  (Halldór  Laxness, dal discorso tenuto in occasione del conferimento del Premio Nobel, nel 1955 )

 

Il libro 
Dall’isola verde dei ghiacciai bollenti, la storia moderna di un mito senza tempo. A raccontarla è un anonimo studente di teologia, inviato dal vescovo d’Islanda a investigare nel lontano ovest, ai piedi del leggendario vulcano Snæfell, dove Jules Verne fece iniziare il suo Viaggio al centro della terra, “perché conduca su quella montagna famosa in tutto il mondo l’investigazione più importante dai tempi di Verne”. A preoccupare il vescovo è soprattutto il pastore locale: pare abbia perso la fede, si rifiuta di battezzare i bambini e di celebrare funerali per i defunti della zona e non accetta lo stipendio da più di vent’anni. Il Cristianesimo è ancora praticato? Cos’è successo nella parrocchia? Corre voce che la chiesa sia stata sprangata, che il pastore passi tutto il suo tempo a ferrare cavalli e che abbia permesso di deporre un cadavere sopra il ghiacciaio. L’inviato del vescovo avrà il suo da fare a raccapezzarsi tra uno scienziato-sciamano trapiantato negli Stati Uniti, la “resurrezione” di un salmone sepolto nel ghiaccio e una donna senza età che si dice non abbia mai mangiato, dormito e nemmeno toccato acqua. Dietro le più folli bizzarrie pare nascondersi un vero e proprio credo – futuristico o primordiale? – che fonde tutte le religioni dei tempi in un’inafferrabile teosofia. Forse la sua logica è così elementare da sfuggire al non iniziato. Forse è la stessa logica che governa le saghe e la grande poesia. Libro culto di Susan Sontag, Sotto il ghiacciaio è un gioiello allegorico, una parabola fantascientifica, un capolavoro di ironia che ha infiniti livelli di lettura, dal comico al mistico, dal letterario al paradossale. È una satira sulla religione, infarcita di un divertente gergo New Age. È un romanzo di idee, come nessun altro di quelli scritti da Laxness. Con la sua straordinaria capacità di abbracciare passato e presente della sua terra per indagare temi universali, HalldórLaxness si confronta con il mistero della vita e il significato della fede nel moderno Occidente. Mito e magia, cultura e natura, ingenuità e stoltezza si mescolano nella visione provocatoria di un acuto conoscitore delle utopie e delle passioni umane.

L’autore 
Premio Nobel nel 1955, Halldór Laxness (1902-1998) ha pubblicato il suo primo libro a diciassette anni e, per la sua capacità di fondere tradizione e innovazione, è considerato il grande maestro della letteratura islandese. Privo di retorica e spesso crudo, è il cantore critico della storia, della natura e della civiltà del suo paese. Viaggiatore infaticabile, trapiantato in America per anni, poi in Unione Sovietica e a Parigi, è venuto in contatto con le principali correnti culturali del ventesimo secolo. La sua vasta produzione comprende racconti, poesie, saggi, recensioni, articoli e opere teatrali: tra le sue opere più famose ricordiamo Gente indipendente con cui vinse il premio Nobel e Il concerto dei pesci, entrambe pubblicate da Iperborea, oltre a L’onore della casa.

Hanno detto di lui:

Quando sono arrivato alla fine di Gente Indipendente, ho pianto come non avevo mai pianto per un romanzo, né prima né poi JONATHAN FRANZEN

Gente Indipendente è uno dei miei dieci libri preferiti in assoluto – ANNIE PROULX

Laxness è un faro per la letteratura del ventesimo secolo, uno scrittore di splendida originalità, arguzia e sentimento –  ALICE MUNRO

Laxness è uno scrittore di pura eccellenza, uno scrittore a cui ho sempre sognato di avvicinarmi – BORIS PASTERNAK

Quando in momenti difficili della mia vita ho preso in mano uno dei libri di Laxness, fin dalle prime pagine mi ha accolto una voce pura e profonda, rassicurante, forte, magmatica – KAREN BLIXEN

Una letteratura che nasce dal silenzio e da antiche solitudini. Un linguaggio che risveglia la potenza dell’epos e conosce il disincanto della modernità  – LA STAMPA

La sua scrittura è pervasa dalle caratteristiche delle saghe, il suo è un tipo di umorismo sottile, stilizzato e candido – che non si trova in nessun altro scrittore contemporaneo  – THE ATLANTIC MONTHLY

Una poesia primordiale, uno stile straordinariamente erudito e interamente scandinavo nella sua combinazione di magia e realtà – THE NEW YORK TIMES BOOK REVIEW

 

Bibliografia completa:

L’onore della casa, Iperborea 1996
Gente indipendente, Iperborea 2004
Il concerto dei pesci, Iperborea 2007

Halldór  Laxness
SOTTO IL GHIACCIAIO

Traduzione dall’islandese di Alessandro Storti
Postfazione di Susan Sontag
Titolo originale: Kristnihald undir Jökli (1968)
pp: 264 – prezzo: € 16,00 – Isbn: 978-88-7091-192-3 – N. 192

Vai al sito di Iperborea

—————————-

Sito ufficiale Alice senza niente

Pagina dei fan 

Annunci

From → Spazio Libri

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: